POSSO VOLARE CON UN DRONE VICINO UN AEROPORTO?


E’ possibile volare con un drone in prossimità di un aeroporto?


Cercando di non addentrarci troppo nell'argomento tecnico, per rispondere a questa domanda, attualmente possiamo consultare anche la Circolare ENAC ATM-09A del 24-03-21 dal titolo “UAS-IT Criteri d’implementazione e procedure per zone geografiche”.


Questa Circolare ci aiuta anche a capire meglio quali sono le distanze, quali sono le altezze e cosa dobbiamo fare, se e quando sia possibile, effettuare un operazione con un UAV nelle vicinanze di aeroporti civili, militari ed eliporti.


Viene introdotta una nuova terminologia:

“Zona geografica unica dell’Uas”: una porzione di spazio aereo stabilita dall'autorità competente che agevola, limita o esclude le operazioni UAS al fine di far fronte ai rischi connessi alla sicurezza, alla riservatezza, alla protezione dei dati personali, alla sicurezza o all'ambiente derivanti dalle operazioni UAS .


Le zone geografiche sono definite nello spazio aereo nazionale secondo i seguenti criteri:

· per motivi di safety, nelle vicinanze degli aeroporti (inclusi eliporti e avio/eli/idrosuperfici gestiti.

· tutte le aree classificate come regolamentate (R), proibite (P), pericolose (D), nonché quelle ad esse assimilabili (es.: lancio paracadutisti e volo acrobatico), pubblicate in AIP-Italia ENR 5 e replicate sul sito d-flight.


In tali zone geografiche sono:

· vietate le operazioni UAS della categoria "open";

· permesse operazioni UAS della categoria "specific" o "certified"


La zona geografica nelle vicinanze degli aeroporti ed eliporti, bisogna suddividerla in tre colori:


Area rossa, che corrisponde all’area più vicina all’aeroporto, la zona geografica, verticalmente, parte dalla superficie AGL fino a UNL .


Area arancione, che corrisponde all’area intermedia (tra l’area rossa e gialla), la zona geografica, verticalmente, parte da un’altezza di 25 m (85ft) AGL fino a UNL .


Area gialla, che corrisponde all’area più distante dall’aeroporto, la zona geografica, verticalmente, parte da un’altezza di 45 m (150ft) AGL fino a UNL .

Ne segue un esempio:

Fonti Ufficiali sul sito web di Enac (https://www.enac.gov.it/) e circolare ATM09-A.


Un solo post non può essere sicuramente né completo, né esaustivo.

Precisiamo che questo articolo può essere utile, nel caso venga utilizzato un UAV.

E’ sempre necessario consultare le fonti ufficiali, reperibili per esempio, sul portale online di ENAC, EASA, D-flight.


Se avete bisogno di ricevere una formazione adeguata, per approfondire le conoscenze richieste, per chiarire eventuali dubbi, ci sono a vostra disposizione, Istruttori di volo UAV riconosciuti e certificati ENAC.

I contatti sono facilmente reperibili attraverso il form in fondo a questa pagina, tramite i social, whatsapp e molti altri canali.


Altri argomenti correlati:

Come diventare piloti Uav Open A1-A3 e A2

L’importanza dei manuali nel settore droni Uas

Attestato pilota Uav operazioni specific come ottenerlo

Il portale D-flight registrazione e QR code

Il linguaggio dei droni definizioni e acronimi

Il prontuario del infrazioni

Movimenti del drone con radiocomando

Come utilizzare un drone

Vi auguriamo come sempre, una buona giornata a tutti voi.

VOLARE CON UN DRONE

ISTRUTTORE DI VOLO UAV (droni)

INFO & NEWSLETTER

CONTATTI

Mantova, Lombardia, Italia​​

Tel: +39 347 81 02 312​

Email: istruttoredivolopuntocom@gmail.com

P.IVA:  02576460204

  • Facebook Icona sociale
  • LinkedIn Icona sociale
  • Instagram
  • YouTube Icona sociale
© Copyright